Migliori Hosting Italiani: Classifica e Recensione 2017

La Classifica dei Migliori Hosting Italiani del momento. Scegli il Miglior Provider Italiano per ospitare il tuo sito Web.

di giugno 29, 2017

Il Miglior Hosting Italiano Economico

Se hai realizzato un sito internet, o hai intenzione di farlo, è indispensabile che il tuo sito (con tutti i suoi contenuti) venga ospitato da un Hosting. Per fortuna il panorama italiano è piuttosto ricco di aziende fornitrici di servizi hosting. Ma trovare quello più economico, più affidabile e scalabile non è per niente facile.

Dopo una ricerca approfondita sul web tra forum di settore, opinioni dei clienti e recensioni abbiamo stilato la Classifica dei Migliori servizi di Hosting in Italia.

Nella classifica, abbiamo selezionato il piano Hosting più Economico di ogni azienda (Piano Base) tenendo conto di una serie di fattori:

  • Dominio Incluso
  • Spazio Disco
  • Traffico/Banda
  • Prezzo

Miglior Hosting

LA CLASSIFICA DEI MIGLIORI HOSTING IN ITALIA

migliori hosting

Hosting Web SpazioDominioTrafficoPrezzo
hosting server plan2 GBSIIllimitato€ 24,00
v-hosting logo1 GBSINon Limitato€ 3 al mese
tophost web hosting10 GBSI10 / 20 GB€ .9,90
hosting server plan10 GBSIIllimitato€ 18,30
webperte hosting 10 GBSIIllimitato€ 17,00
keliweb hosting italiano1 GBSIIllimitato€ 19,90
web4web hosting 0,25 GBSI4 GB€ 10,00
dagmaweb hosting 1 GBSI25 GB€ 19,90
misterdomain italia 5 GBSINon Limitato€ 29,90
hosting per te0,2 GBSIIllimitato€ 16,00
x-logic hosting 1 GBSI14 GB€ .8,00
slhosting italiano 0,5 GBSI10 GB€ 10,00
Hosting a basso prezzo 10 GBNO1TByte€ 99,90

Le caratteristiche che dovrebbe avere l’hosting perfetto sono riassumibili in 12 punti:

  • Supporto Tecnico 24×7 ticket / mail e via telefono (requisiti indispensabili sono gentilezza e cortesia)
  • Piani hosting specifici per WordPress, Joomla, Prestashop e Magento
  • Facilità d’uso del Pannello di Controllo e Informazioni dettagliate
  • Uptime del 99,9%
  • Velocità e performance dei server
  • Possibilità di fare upgrade
  • Protezione antivirus e antispam
  • Garanzia soddisfatti o rimborsati
  • Possibilità di poter creare più sottodomini
  • Account mail e supporto webmail
  • Facilità nel fare upgrade tra i vari piani hosting
  • Accesso FTP senza restrizioni

Queste caratteristiche sono tutte presenti tra le aziende che abbiamo pubblicato nella lista.

Hosting Cos’è?

Quando si realizza un sito web, solitamente si ha l’intenzione di pubblicarlo su internet e far si che chiunque, da qualsiasi parte del mondo, possa visionarlo.
Per far ciò, è necessario caricare tutti i contenuti del sito in uno dei tanti servizi di web hosting forniti da un provider.

A cosa serve un Hosting?

Se siete degli imprenditori o avete avviato da poco un’attività, vi darò una brutta notizia: il marketing del passaparola o del volantinaggio non funzionano più.

Oggi, le persone tendono a scoprire nuove aziende e nuove realtà attraverso Internet e grazie all’uso di motori di ricerca quali Bing e Google, che rendono qualsiasi cosa semplice e facile da trovare.

Quindi se avete intenzione di pubblicizzare la vostra professione o attività il primo passo da compiere per far si che possiate ottenere un posto all’interno nel web è trovare un hosting che vi permetta di poter pubblicare un sito internet.

In pratica l’Hosting Web non è altro che il contenitore dove andranno tutti i files che compongono il vostro sito internet. Questi file verranno dinamicamente organizzati attraverso il codice di programmazione utilizzato per costruirlo (html, css, php etc…) e verranno presentati sotto forma di sito web, all’utente finale che ha digitato l’indirizzo sul browser.

Quanto costa un Hosting in Italia?

In Italia abbiamo la possibilità di poter scegliere tra centinaia di hosting che per fortuna, grazie ad una concorrenza spietata, riescono a tenere bassi i prezzi per quanto riguarda il pacchetto hosting condiviso. In alcuni casi con meno di 10 euro potete avere un Hosting con 10 Gb di spazio e dominio incluso.

Meglio un Hosting Italiano o Estero?

Questa è una delle domande che in molti mi fanno e a dire il vero non penso ci sia una risposta più giusta del consigliarvi di testare, testare e testare. Ho già detto testare?

Gli Hosting italiani solitamente vengono un po’ bistrattati dai professionisti del web, noi italiani amiamo tanto criticare e non esaltare i nostri prodotti/servizi.

Per esperienza personale, mi è capitato di avere a che fare con un hosting estero molto blasonato, che nel giro di 2 mesi ha messo il mio sito offline per ben 3 volte giustificando l’evento come: “Manutenzione straordinaria non programmata”.

Ciò per dirvi che non è assolutamente vero che un hosting estero è migliore di un hosting italiano, la parola magica anche in questo caso è: dipende.

Quindi armatevi di pazienza oppure prendete per buoni i consigli che vi ho dato nella classifica che trovate sopra. Sono tutti ottimi hosting e troverete anche un hosting estero che da poco ha trasferito i propri datacenter in Italia parlo di Siteground.

Seo: Meglio un hosting in Italia o all’estero?

Se poi volete sapere se dal punto di vista SEO è meglio un hosting italiano rispetto ad uno estero, mi viene da dirvi che è tutta una questione di “Ping”.

Cos’è il Ping? Il ping in pratica è la latenza di tempo che intercorre da quando l’utente digita l’indirizzo web sul suo pc al momento in cui il segnale arriva al server dove è hostato il sito fino all’esatto momento in cui il sito viene aperto sul suo browser. Una sorta di Ping Pong di informazioni.

Adesso alcuni Seo sostengono che se la latenza è eccessiva, c’è il rischio che l’utente rimanga ad aspettare troppo prima che il sito appaia sul suo browser. Dato che, secondo un’indagine di Google, 1 utente su 3 cambia sito se questo non viene aperto in 5 secondi circa, capite che l’eccessiva latenza può rappresentare un vero problema.

CDN ed Hosting

Per fortuna arrivano in nostro aiuto diversi servizi come CloudFlare o CloudFront che altro non sono che dei CDN (Content delivery network) ovvero “rete per la consegna dei contenuti”. In pratica questi CDN si interpongono tra il server e l’utente salvando nella loro cache il contenuto del vostro sito e in base al luogo di provenienza dell’utente, restituiscono il sito web con una latenza molto bassa.

Quindi se un utente si trova a Milano e il vostro sito è hostato su un server a Londra, grazie ad un servizio CDN l’utente, nell’aprire il sito non noterebbe alcun rallentamento.

Semplice no? Quindi se vi affidate ad un hosting estero ricordatevi di installare CloudFlare o simili, se avete wordpress l’installazione sarà molto semplice.

Uptime di un Hosting cos’è?

L’Uptime è la caratteristiche più importante che dovrebbe avere un hosting web. In pratica è la percentuale di tempo durante il quale il sistema (ad esempio il server o la vps dell’hosting) rimane attivo.

Solitamente gli hosting web hanno una percentuale del 99,9% di Uptime, il che significa che durante l’anno potreste ritrovarvi il vostro sito offline per lo 0,01% del tempo.

Se calcolate che i giorni dell’anno sono 360, significa che il vostro sito potrebbe non essere online per 8 ore e 76 minuti in tutto. Sarebbe un’ottimo risultato, sebbene poi nella realtà dei fatti, i motivi che possono portare ad un down del sito web saranno ben altri e non li troverete di certo nell’uptime pubblicizzato dall’hosting provider.

Hosting e Dominio gratis

Tutti gli hosting in Italia offrono un dominio gratuito per ogni pacchetto hosting venduto. Difficilmente troverete dei provider che non vi offrono pure il dominio! Gli hosting che abbiamo inserito in elenco offrono la registrazione gratuita di domini per tutti i tipi di estensioni (.it, .org, .com etc…) quindi potete benissimo scegliere uno dei pacchetti e inserire il dominio libero da registrare. Ovviamente se avete già un dominio e volete trasferirlo sul nuovo hosting, in fase di registrazione dovrete inserire il nome del dominio che possedete già e successivamente seguire le istruzioni per effettuare il trasferimento.

Ma quale hosting scegliere?

Tutto dipende dal sito che intendete realizzare o che volete trasferire.
Se il vostro è un piccolo progetto di qualche megabyte (un sito vetrina senza tante ambizioni ad esempio), spendere 100 euro l’anno per uno dei migliori provider della terra ha poco senso, a meno che non vogliate sprecare i vostri soldi.
Se invece avete un sito internet con tantissimi contenuti, con traffico che supera i 1000 visitatori al giorno, beh forse è il caso che vi affidiate ai migliori hosting provider sulla piazza.

Pensate anche in termini di scalabilità. Già perché se un sito internet oggi vi conta 100 visite al giorno non è detto che in futuro non possa farne 10000 in poche ore. Quindi pensate sin da adesso a scegliere un hosting che vi permetta di poter ottenere “in corsa” un pacchetto superiore (che sia cloud, vps o server dedicato).

Quali tipologie di Hosting esistono?

Hosting Condiviso (Shared)

Scegliendo un piano di Hosting Condiviso lo spazio viene condiviso insieme ad altri utenti. E’ sicuramente la soluzione più economica ma anche quella meno performante. Molte aziende tendono a fare overselling, ciò significa che il vostro sito potrebbe trovarsi nello stesso server insieme ad altri 10.000. Chiedete sempre all’hoster quanti siti vengono ospitati nel vostro server.

Hosting Dedicato

Avrete a disposizione un vero e proprio server nel quale potete ospitare più domini con un Ip esclusivamente vostro.

VPS (Server Virtuale)

E’ una sorta di Server Dedicato Virtuale, in realtà il server fisico è comunque condiviso, ma il sistema operativo è totalmente indipendente

Cloud

Questa è la soluzione più innovativa e flessibile in assoluto. In pratica vengono messi a disposizione un insieme di server collegati tra di loro, in questo modo si potrà disporre di tutte le risorse necessarie e inoltre, si pagherà solo il reale utilizzo.

Posso ospitare un sito internet sul mio computer?

Certo che si può, è possibile trasformare il proprio computer in un web server. Ma sarebbe fin troppo dispendioso e poco affidabile. La maggior parte degli hosting web, o almeno i migliori,
hanno delle web farm (server collegati tra di loro in un unica struttura) molto performanti e gestite da tecnici qualificati esperti in sicurezza.
Insomma un piccolo computer da casa non potrebbe mai raggiungere le prestazioni della più piccola webfarm!

E per WordPress, Joomla o Prestashop?

Oramai è praticamente possibile ospitare siti realizzati in Joomla, Wp o Prestashop presso qualsiasi provider. Gli Hosting più performanti danno tutti gli strumenti necessari per poter installare qualsiasi tipo di CMS. Non è un caso ad esempio, che in tutti gli hosting che abbiamo pubblicato in classifica è possibile installare i Cms più conosciuti: da WordPress a Magento passando per Joomla e Prestashop.

Potrebbero Interessarti

Le Lingue più parlate su Internet Dopo aver stilato la classifica delle lingue più parlate al mondo, pubblichiamo oggi la lista degli idiomi più diffusi sul web. Come era facile pre...
Le Migliori Fashion Blogger Il web è sempre più ricco di blog di ogni genere, in cui donne e uomini scrivono post quotidiani su qualsiasi tipo di argomento. Uno degli argomenti p...
Le Migliori Affiliazioni di Forex e Trading Quali sono i siti di Forex che offrono ai propri affiliati le più alte commissioni? Guadagnare con il Trading non è per niente facile. Bisogna avere ...
I Vip Più Seguiti Del 2015 I profili social dei personaggi famosi contano un numero infinito di seguaci e visualizzazioni. I vip, ormai, sono abituati a condividere ogni momento...
Le Migliori Chat Italiane Gratuite La chat per incontri è lo strumento per eccellenza utilizzato nel web sin dalla fine degli '90. Le prime piattaforme erano stand-alone, in pratica si ...

46 Risposte

  1. Giuseppe Guglielmino ha detto:

    Ciao Sandra! Ho un sito in locale realizzato con wp di 1,2 MB e suppongo avrà un audience prevalentemente italiana. Leggendo il tuo articolo sarei orientato per Tophost ma ho visitato il sito e non è che mi faccia un’impressione magnifica. Sai dirmi qualcosa in più o darmi qualche consiglio aggiuntivo?

    • Sandra Giuliano ha detto:

      Ciao Giuseppe, hai perfettamente ragione per quanto riguarda “il sito” di TopHost, dovrebbero come dire… effettuare un restyling il prima possibile :).
      Per il resto, Tophost è un azienda Italiana con più di 153.000 account attivi che lavora da 10 anni su internet (praticamente un secolo rapportato al web) e che con soli €9,90 (!) ti da la possibilità di poter ospitare un sito fino a 10 gb. Per quanto riguarda l’assistenza, con me sono stati piuttosto celeri nelle risposte e nella risoluzione di semplici problemi. E’ anche vero però che molti clienti lamentano disservizi e qualche down qua e là.
      La questione è sempre la stessa, se il tuo è un sito senza pretese, magari un sito vetrina che aggiornerai una volta ogni tanto, un hosting base da 10 euro con Tophost, può essere la soluzione.
      Se invece si tratta di un progetto un pò più complesso potresti prendere in considerazione la possibilità di affidarti ad un Hosting Cloud ad esempio, scalabile, performante e molto più flessibile rispetto ad un hosting condiviso.
      Comunque ritornando a Tophost non lasciarti ingannare dalla pagina iniziale il pacchetto base è un buon prodotto con un ottimo rapporto qualità/prezzo.

      • Giuseppe Guglielmino ha detto:

        Ciao Sandra, grazie per la pronta risposta e complimenti per l’articolo di cui sopra!! Ho fatto un giro su altri articoli simili ed ho trovato una certa convergenza su Netson. Che ne dici?

        • Sandra Giuliano ha detto:

          Si, Netsons è un ottimo prodotto. L’azienda ha un datacenter in Italia e conta migliaia di iscritti. Ne ho sentito parlare più che bene e se consideri che l’hosting condiviso https://www.toplista.it/link/netsons lo trovi a 15 Euro + IVA credo possa rappresentare un’ottima scelta. Considera pure, che avendo Netsons una varietà non limitata di prodotti, ti permetterebbe di poter effettuare upgrade “al volo” qualora il tuo sito dovesse crescere in termini di traffico improvvisamente.

          • Ottavio Crisafulli ha detto:

            Grazie Sandra, il fatto che si tratti di un messaggio pubblicitario mi fa riflettere sulla valutazione di questo hosting. Cmq nel mentre stavo valutando altri due server che mi hanno incuriosito ovvero coolnetwork e noamweb. Comi li reputi nella classifica con i precedenti 2 ?

        • Sandra Giuliano ha detto:

          Ciao, scusa se ti rispondo in ritardo, leggo solo adesso! Comunque ottima scelta per quanto riguarda il rapporto qualità-prezzo!

      • simone righini ha detto:

        restyling Tophost… fatto 😀 c’è anche il nuovo Topweb+ che ha 10 volte le performance del vecchio Topweb

  2. Giulia ha detto:

    Ho letto in rete molti commenti positivi su xlogic, è un’azienda valida? altrimenti sono indecisa tra netsons e vhosting, puoi darmi un consiglio.
    Ciao Giulia

    • Sandra Giuliano ha detto:

      Ciao Giulia, personalmente non ho mai provato xlogic ma dalle recensioni e le esperienze degli utenti in rete si tratta di un’azienda seria e con un buon servizio di assistenza (in caso contrario non l’avremmo mai inserita in classifica, ndr). E’ un’azienda piuttosto giovane. Nata a Torino nel 2011 da qualche mese sta cominciando a ritagliarsi un posto tra gli hosting low cost italiani. In ogni caso, per quanto riguarda la scelta dell’hosting, devi sempre valutare il tuo progetto e i relativi margini di crescita, dato che xlogic (così come molti altri hosting low cost) non ti offre la possibilità di fare upgrade ad hosting dedicato o addirittura cloud. Gli unici prodotti attivi su xlogic riguardano l’Hosting Condiviso e VPS. E’ un limite, perché qualora il tuo sito crescesse improvvisamente in termine di visite, saresti costretta a cambiare necessariamente hosting, con i down e le attese del caso. Per quanto riguarda Netsons ne ho già parlato nel commento precedente: ottima azienda, ottimo servizio di assistenza e ottimo prezzo! vHosting è un’altra eccellenza italiana in fatto di hosting, forse un pò più caro di Netsons (pacchetto base) ma anche in questo caso massima affidabilità.

  3. Lorenzo ha detto:

    Invece SupportHost come ti pare? Grazie.

    • Sandra Giuliano ha detto:

      Ciao Lorenzo ad essere sincera non conoscevo SupportHost. Sto leggendo qualche recensione e chiederò info al servizio di assistenza, poi magari faccio una prova acquistando personalmente un prodotto e nel caso andrà tutto bene verrà inserito in lista. Grazie.

  4. Sandra Giuliano ha detto:

    Ciao Andrea, conosco SpazioRc, ma non mi pare ci sia la possibilità di fare un upgrade a cloud server. Anche perché se così fosse, l’avrebbero già scritto in prima pagina “font-size:50px;” :). Comunque mi informerò. Grazie.

  5. Massimo ha detto:

    Anche HostingVirtuale fornisce dei servizi lowcost a partire da €10. Inoltre è attiva un’offerta sui trasferimenti a €6,99 dominio incluso.

  6. Roberto Fiorita ha detto:

    Forse dipende anche dalle esperienze personali…io, ad esempio, non mi son trovato affatto bene su Tophost, nonostante molti ne parlino un gran bene (anche se recentemente ho letto di altre persone “scontente” come me).

    Per lo stesso prezzo ho di gran lunga preferito hosting99 (9.99 euro annuali, anche se io sono poi passato al piano dedicato), non ho più problemi da quando sono con loro.

    • Sandra Giuliano ha detto:

      Salve Roberto, non avendo testato personalmente hosting99 ho preferito non inserirlo in lista. Leggo in rete recensioni positive ed altre parecchio negative, vedi il caso di @giacomobilello:disqus. Vedrò al più presto di testare l’hosting e vi farò sapere.

  7. arturo ha detto:

    Buonasera e complimenti per il blog.
    Io curo alcuni siti, due miei e due per conto di conoscenti.
    Ho provato vari provider negli anni (non so se sia il caso di riprotare i nomi, magari lo evito, semmai mi chiedete).
    Da un paio di anni, forse tre, mi sono affidato a Ovh, il più grosso in Europa e tra i più grossi nel mondo che, a parte l’apparenza di un pannello assai spartano, devo dire che mi sembra, ad oggi, il più affidabile tra quelli provati, sia come assistenza che come servizio (velocità di caricamento Ftp, sito sempre raggiungibile, eccetera).
    Non è mia intenzione fare pubblicità, ci mancherebbe, ci sono hosting certamente superiori e migliori, ma desideravo riportare questa mia opinione, considerato che anche i prezzi sono molto, molto appetibili (meno di 30 euro all’anno per 100 GB di spazio web, traffico illimitato, eccetera).
    Grazie e complimenti ancora

  8. Giacomo Bilello ha detto:

    Ciao a tutti, volevo parlarmi della mia esperienza tragi-comica con Hosting 99.

    Oggi scopro che da 2 gg non ricevo nessuna mail dal mio sito, strano, ne ricevo una decina al giorno, provo a vedere che è successo e scopro di avere il sito OFFLINE!!!

    Dal mio pannello di controllo delle scadenze dei piani hosting noto che il piano relativo al mio sito scade ne 29/07/2015 e risulta attivo. Tutto tranquillo quindi, parlo con un operatore in live chat e risolvo tutto pensavo… ERRORE!

    L’operatore fa un casino allucinante, prima sostiene che io non abbia pagato, poi sostiene che ho ignorato gli avvisi ricevuti (INESISTENTI), poi crea una fattura di scadenza dominio ma un’altro, poi la cancella, nel panico totale mi crea una nuova fattura da pagare con data emissione 1/agosto e con data scadenza 5 gg fa. ma io ho già pagato il rinnovo per il 2014. Il piano hosting mi scade a luglio 2015 🙂
    Inizia a sostenere quindi che era mio dovere informarmi della scadenza del piano (ma non scade) dovevo leggere le email inviate di avviso scadenza (peccato che non ci sono).
    Dopo n tentativi di salvare il salvabile l’operatore mi invita ad aprire un ticket sostenendo che non può aiutarmi e che sono nel torto più marcio.

    Torno tra le fatture da pagare e magicamente sparisce la fattura che mi aveva precedentemente creato, il mio sito risulta bloccato (non posso neanche cambiare hosting) e ovviamente cosa piu grave continuo a restare OFFLINE!

    RAGAZZI, datemi retta….

    LASCIATE PERDERE HOSTING99.

    Vi terrò aggiornati sulla commedia.

  9. Credo anch’io che al di là dei numeri contino le persone. Ho progetti su hosting professionali diversi e in linea di massima mi trovo bene con tutti, ma considerando che prima o poi tutti i server vanno giù, anche quelli di facebook e di Google, per me quello che conta più di tutto è la reattività del servizio assistenza. Mi sono trovato discretamente con Misterdomain, Giganet e Hostingsolutions, ma devo dire che Flamenetworks ha di gran lunga il miglior sistema per gestire le richieste di supporto. 🙂

  10. Sara Cortopassi ha detto:

    Mah, non si capisce perche si leggano si questi accanimenti contro Top Host, web4web e hosting99 alle volte….Tutto ovviamnete dipende dal prezzo! Se uso OVH pago 90 euro annuali e nulla si guasta. (Se si guasta esperienza personale si sta 3/4 giorni senza una riposta…ma solitamente non si guasta nulla). Ovvio che se pago un servizio 9,90 euro come su hosting99 o top host, o 10 euro come su web4web il servizio sara un po diverso. Magari non avro’ la pec oppure la casella mail non sara illimitata ma solo da 1/2 giga. Mi pare il minimo. Personalmente uso molti hosting perche rivendo i servizi e posso dirvi che non credo di poter rivendere un servizio di ovh pagato 90 euro a 120 euro ma un servizio pagato da hosting99 9,90 a 50 euro si. Il cliente sa che sta acquistando da un reseller ma io gli fornisco l’assistenza necessaria e il fornitore di hosting dal suo canto ha un occhio di riguardo perche ho da lui non 2/3 domini ma 200/300. Comunque conosco sia top host che hosting99 e mi trovo bene con entrambi. Su hosting99 l’assistenza è da provare perche in 20 minuti ti rispondono, su top host lascia di stucco il costo dei domini.

  11. Michele ha detto:

    Da qualche tempo ho migrato alcuni siti, compreso il mio blog, su 1and1 e devo dire che mi trovo abbastanza bene sia come servizio che prestazioni…

  12. Lorenzo ha detto:

    Io ho scelto per i miei Siti Web Keliweb e devo ammettere che mi trovo benissimo.
    Un servizio sempre affidabile e veloce, non ho costi extra (come ad esempio database o sottodomini).
    Inoltre quando ho avuto bisogno dell’assistenza per completare il trasferimento sono stati gentilissimi e disponibili ad aiutarmi (avevo sbagliato io che non trovavo una email di conferma per il trasferimento).
    Voto 10+!

  13. Stefano ha detto:

    Che differenza c’è tra traffico ” Illimitato” e traffico “non limitato” ? Grazie

    • Sandra Giuliano ha detto:

      Ciao Stefano, in realtà come puoi ben capire, il traffico illimitato in un hosting condiviso ha ben poco senso. Per definizione, quando acquisti un servizio di hosting condiviso sai già che dovrai condividere delle risorse con altri “vicini”. Illimitato non significa che il tuo sito può sfruttare tutta la banda possibile ed immaginabile pagando solo 9,90 l’anno. Nelle condizioni di vendita di ogni servizio hosting viene specificato che “illimitato” significa ( semplicemente ) che non vengono impostati dei limiti di consumo a priori, cioè non ti viene detto se raggiungi 1 Gb di traffico ti blocchiamo il sito. Ma i limiti vengono comunque fissati a posteriori. Cioè? Se il tuo sito consuma risorse per più del 30% ( valore che varia a seconda delle aziende ), verrà sospeso per consumo eccessivo di traffico. In pratica la definizione corretta che qualsiasi azienda che vende servizi hosting dovrebbe utilizzare è “Traffico Non Limitato”, o quanto meno impostare un valore reale. Sono scelte di “marketing”, e l’importante è leggere bene le condizioni del servizio che si va ad acquistare.

  14. Riccardo ha detto:

    Ho un sito ecommerce che conta circa 1000 visite al giorno vorrei acquistare un servizio da xlogic, un base può andare bene? ho anche visto che hanno gli hosting dedicati e i vps ssd secondo voi i prezzi di questi ultimi sono buoni?

    grazie Riccardo

    • Sandra Giuliano ha detto:

      Ciao Riccardo. Per un sito ecommerce con 1000 Visite al giorno non puoi acquistare un servizio base di quel tipo. Anche se le visite non sono eccessive, un ecommerce consuma molte più risorse di un blog o di semplice sito informativo, ragion per cui, forse sarebbe più appropriato propendere per una Vps o un hosting dedicato. Xlogic è una buona azienda, ma noi abbiamo provato solo il piano base, non saprei dirti per quanto riguarda altri servizi. Non posso indicarti un servizio piuttosto che un altro per ovvie ragioni, ma tieni conto che tutte quelle pubblicate in lista sono aziende affidabili. Facci sapere cosa hai scelto e come ti trovi… 😉

  15. Gianpaolo ha detto:

    La Mia esperienza con VHosting:
    Di per sè il servizio di hosting sarebbe buono, anche se negli ultimi giorni mi sono arrivate alcune email che il server era offline e che stavano risolvendo il problema.
    Io dopo poco più di un anno, sono stato costretto a trasferire il sito ad altro hosting, questi i motivi:

    1) ho pagato un servizio di IP dedicato, che a quanto mi risulta non ho mai avuto, le mie richieste di spiegazione in merito hanno ricevuto risposte vaghe (la prima risale a 2-3 mesi da quando avevo attivato il servizio e mi si risponde che ci vuole tempo per l’ip dedicato) oppure sono state rimandate ad ulteriori ticket;

    2) al primo problema il sito va offline e mi vedo recapitare una email scarna e con pochi elementi per comprendere. Dovrebbe essere dipeso da me che in quel momento stavo aggiungendo una pagina al blog (WP).

    3) assistenza tecnica che non sa trattare con i clienti e che non si è dimostrata minimamente disponibile ad aiutarmi a risolvere il problema. L’unica cosa che hanno fatto, dopo alcune ore e su mia richiesta esplicita (del resto come avrei potuto risolvere un problema se non ho la possibilità di accesso a WP perchè è offline?) è stato rimettere online il sito in modo che mi risolvessi il problema da solo.

    • Sandra Giuliano ha detto:

      Ciao Gianpaolo,
      comprendo le motivazioni che ti hanno costretto al cambio hosting e spero tanto che il tuo sia un caso isolato visto che è una di quelle aziende che abbiamo inserito in lista.
      Personalmente ho acquistato un hosting base di prova con vhosting e per quel poco che l’ho utilizzato non ho trovato niente di cui lamentarmi. Spero che qualche responsabile di vHosting leggendo questo tuo commento possa darci delle risposte in merito.

  16. dennus ha detto:

    Avrei bisogno di un piano hosting con un ottimo servizio email avente una grande capacità e affidabile…aruba andrebbe bene?

  17. Ottavio Crisafulli ha detto:

    Ciao Sandra,
    cosa ne pensi del piano condiviso top della serverplane ovvero “Enterprice SSL” per un ecommerce con oltre 1000 prodotti? Quale conviene in rapporto al GOGeek della Siteground? Conviene puntare su uno italiano per la disponibilità di server in Italia oppure il fatto che il secondo sia in Olanda non cambia molto?

    • Sandra Giuliano ha detto:

      Ciao Ottavio,
      cominciamo con il dire che il fatto di avere un server in Olanda piuttosto che in Italia anche se l’utenza è italiana ha un impatto sul “posizionamento” pari a zero. Inoltre SiteGround è praticamente uno dei (il) miglior hosting in Europa e non ci sono problemi in quanto a tempi di latenza e ping. Sono tutti e due degli ottimi prodotti di fascia alta e fai bene con un ecommerce da oltre 1000 prodotti a puntare su servizi di questo tipo. Io non posso consigliarti né l’uno né l’altro posso dirti però di aver provato SiteGround e mi ha sorpreso parecchio, l’assistenza è in Italiano, la tecnologia Hardware nel piano GoGeek è ottima: RAID10, SAS HDD, MySQL su SSD separato, 24 CPU cores poi ad 11,95€ al mese è il massimo che puoi chiedere. Dall’altra parte Server Plan offre un ottimo prodotto ed è una delle aziende Italiane delle quali troverai poche recensioni negative. A te la scelta. 🙂

  18. Agata81 ha detto:

    Ciao io ho sottoscritto da alcuni mesi il pacchetto hosting condiviso con Hosting99 e mi sono trovata molto bene, si tratta di un hosting italiano e che ho trovato molto economico, appena 15 euro l’anno. Il servizio è molto veloce e devo dire ciò che mi ha più stupito è il centro assistenza che è molto attivo tanto che per ogni problema mi hanno risposto subito nel giro di un giorno. Quando invece avevo bisogno di un parere diretto ho semplicemente contattato la loro live chat anche questa sempre attiva.

    • Ottavio Crisafulli ha detto:

      Ciao Agata,
      ho visto i prezzi e mi sembrano davvero ottimi. Tu quale piano hai? E’ possibile avere il link del tuo sito così valuto la velocità
      Grazie

      • Sandra Giuliano ha detto:

        Ciao Ottavio, dubito che Agata ti risponda, credo si tratti di un “commento pubblicitario”. In ogni caso, mi sono promessa di provare Hosting99 per poi inserirlo in classifica. Certo il commento di @giacomobilello:disqus di qualche mese fa è preoccupante… vedremo… In ogni caso ricordiamoci che si tratta comunque di hosting lowcost che è impossibile paragonare a servizi pro come Siteground o Enterprise di ServerPlan.

  19. Francesco Magro ha detto:

    Ciao Sandra, l’articolo è ben strutturato anche se, (mia esperienza) gestendo molti domini, l’unico competitivo nella sua totalità (ovviamente c’è sempre da valutare cosa e come lo si deve fare) è Keliweb. Ho notato anche che molti provider parlano di 10, 15 gb o illimitato, ma si tratta solo di uno specchietto per le allodole perchè alcuni clienti che gestisco hanno caricato, stile cloud hosting, alcuni gb di file ed alcuni provider in lista hanno effettuato un “richiamo” via mail e/o addirittura una sospensione del servizio. Tra tutti quelli che ho provato e che gestisco attualmente Keliweb e Siteground risultano i migliori. Non disdegno Server Plan, ma lo trovo inferiore ai primi due.

  20. quypa ha detto:

    Sandra complimenti per la classifica che è una vera ancora di salvezza per chi, come me, considera internet una giungla. Sto facendo costruire il sito web per il mio bed and breakfast appena aperto e vorrei un consiglio sul dominio/hosting adatto alle mie esigenze: 6 pagine di cui una con virtual tour + immagini, ed una sempre in aggiornamento riguardante le iniziative/manifestazioni sul territorio, una sola casella email. Non vorrei spendere una fortuna per decine di funzioni che non utilizzerei. Mi interessa solo che il sito giri velocemente e non dia problemi. Grazie.

    • Sandra Giuliano ha detto:

      Ciao grazie a te per il commento. Ti rispondo subito, quando si tratta di siti web con finalità commerciali (nel senso che direttamente o indirettamente saranno legati ad un’attività commerciale) il mio consiglio è di evitare gli hosting condivisi da 10 euro al mese. Il motivo è semplice, spesso i “vicini di server” (ovvero gli altri siti con i quali condividi lo spazio) potrebbero essere troppi (fenomeno dell”overselling) con conseguente rallentamento dei siti hostati negli orari di punta. Inoltre, l’indirizzo ip è generalmente unico per tutti i siti ospitati nel condiviso, quindi se uno di questi siti commette qualche pratica illecita, l’indirizzo ip (unico per tutti) rischierebbe di entrare nelle blacklist spam. Quindi evitate di correre rischi di questo tipo se state per avviare un progetto importante. Ci sono diversi hosting che vi offrono uno spazio con indirizzo ip dedicato spendendo pochi euro al mese. Tra questi quelli che consiglio (perché testati con i miei siti) sono ServerPlan e SiteGround. Per quanto riguarda ServerPlan ti consiglio il servizio:Vps Hosting da 20 euro al mese ottimizzato per tutti i CMS e Ecommerce compresi. In ogni caso prova a cercare servizi di questo livello ed evita se puoi degli hosting condivisi da 10 euro.
      Ciao!

  21. Sante Barbano ha detto:

    Ho iniziato con Aruba, parecchi anni fa: niente di malvagio, ma valutazione insufficiente. Poi sono stato un anno su Xlogic: valutazione poco più che sufficiente, mi aspettavo di più.
    Attualmente vengo ospitato da un mio amico su hosting Hostgator.

  22. Gianluca ha detto:

    Ciao Sandra,
    volevo chiederti se HostingVirtuale non è presente perché non risulta testato oppure per altri motivi particolari? Grazie mille per la risposta.

  23. Dinuz ha detto:

    Ciao,
    premetto che non mi intendo assolutamente di hosting, ma sono interessata a creare un mio blog informativo con wordpress multilingue dove ogni post contiene ovviamente anche una o due immagini o video, quindi a lungo andare penso che il volume di contenuti si ingrandirebbe abbastanza e in poco tempo. Volevo sapere quindi in base a queste esigenze:
    – meglio partire da un hosting low cost e poi fare l’upgrade oppure scegliere già in partenza un piano più professionale?

    – meglio host dedicato, virtuale oppure cloud?
    – qual è il miglior servizio di hosting che mi consigliereste per questo tipo di sito? (Mi interessa lavorare con un hosting serio, affidabile e con ottima assistenza clienti).

  24. Nicole ha detto:

    Molto interessante, grazie per il vostro lavoro mi sarà utile.

  25. Nello di Varese ha detto:

    salve. Sono indeciso tra Serverplan e Keliweb. Quale dei due offre server con maggiore efficienza e soprattutto velocità di risposta?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Leggi articolo precedente:
Miglior Consulente Seo
Migliori Seo Italiani del 2017

Dì la verità, hai sentito parlare un milione di volte di questa "SEO" negli ultimi anni e ti sei sempre chiesto...

Chiudi